Se l’italiano è difficile ve lo diciamo in anagnino

, dai Comuni

Allora, ieri, doppo che ha parlato Conte, chio senza parrucchino, la gente de aecco ha fatto tuttatro de chello che era ditto. Quindi, simo pensato: nci site capito niente de chello che ha ditto. E simo capito perché. Perché l’ha ditto in itagliano, mannaggia mannaggia, nen le sapeva ca assusì nen capisceste. Esso, ve le respieghimo in dialetto ca magare ve rentra ncapo mejo.

“Ju decreto de ju capoccia, alloco, chio che cummanna, j’hanno fatto la sera de ju 9 marzo de chist’anno, i prevede misure urgenti i tera tera pe contené tutto ssu macello che sta a succede cu ssu virus.
Tocca ca ci stite alle casi vostre pe mpò.
Si rescite, site tenuti a spiegà ca stite a rescì pe ì a lavurà, o pe fa caccosa che propria addumà nse po’ fa, ma tipo ca te stai a murì i teta core a j’ospedale (mo revè…).
Me raccummanno, si tenite chella febbricciola ca dici “si ma tanto n’è niente, tengo giusto 37 i mezzo” i ve sentite zica appilati, stiteci a casa. Ah, i si già stite in quarantena o se già tenite ju virus ncorpo, ne rescite! Ma propria no pi gnente!
Pertanto: nse gioca più a pallò. Scurditeci de ssu pallò pe nu mesetto i passa. Scurditeci la palestra, la piscina, ì a ballà, i tutto chello che ve passa pe la capoccia che nen potite fa da suli, a casa.
Ca dici pure ca mo ju datore de lavoro, ju padrò, te teta dà le ferie si ci le chiedi, i teta fa pippa… Approfitta eh! Te repusi zica!
Nci sse po’ vedè pe giucà a briscola, manco a scopa, a tressette (ca sennò ju morto i facite vui), nci sse po’ vedè pe fa niente. Niente. Simo chiuso i bar, i teatri ca tanto nci jeste, le discoteche, i pub, i bar (mejo ribadillo), la Snai, Better, ju Bingo a Ferentino, tutto. Mo vojo vedè.
Pe quanto riguarda scole i università, ma pure ju corso da mbianchino che steste a fa o cose simili, nse po’ più. Stop. Si site boni a usà ju PC i internet po’ esse ca na mezza pillola de cultura v’attocca a vui ntellettuali. Ma sempre da casa eh. Vabbè tanto vui site ntellettuali, magari site capito puro quando chio sse cose l’ha ditte in itagliano.
Doppo: Signò, in chiesa ci potite ì, pe carità. Ma aremanite a no metro de distanza ca sennò le cose che ci stite a dì a ju Padreterno ce le iate a riferì direttamente de persona, e ne va bè. Tenite tempo pe diccelo. Parlite cu nui, tanto mo ntenimo niente da fa, ve dimo retta.
Ah, le saccio ca ne ve frega, comunque simo chiuso pure i musei, e pure i posti de cultura. Ma a giudicà da chello che vedo me sa ne ve tocca più de tanto ssa cosa..
I concorsi, le raccummanazioni i tutto lo resto, pe mo so sospesi.
A magnà fori i a tolle ju caffè ci potite ì ma tenite da sta a distanza de no metro, se nen le facite i ve sgameno, a chio ci fao chiude ju locale. Ma doppo è propria necessario? Faciteci la moka a casa. Tanto alle 18:00 facimo chiude. Doppo tutta ssa voja de socialità, po’ rescite e stite nfaccia a ju schermo de ju telefono.
Pe finì: caccosa roperto, ovviamente, le simo lasciato.
Segnite.
Farmacie, parafarmacie, le butteghe (quindi nen serve da core pe fregasse lo Tavernello in offerta o atre cose). Le cose mportanti so atre, come stite a vedé.
Ne ve stimo a lascià da suli, nci lascite vui da suli a nui ca aessi diventa nu macello, facite i seri.

Noi le sapimo ca nsite cattivi, ca tenite sulo paura. È giusto. Pure nui tenimo paura.
Ma sapimo pure che site mejo de sussì. E le sapite pure vui.
Usimo la ciocca e azzicatro quando nci ncrocimo in fila a ju Carrefour, magari anziché cummatte, ci facimo du risate, i te chiedo pure si me vo’ passà annanzi.

Buona giornata. Forza. Ce la facimo pure sta vota.

PS. Stiteci alle casi vostre.”

Foto da tg24info al link https://www.tg24.info/ultimora-anagni-coronavirus-assapto-al-supermercato-dopo-il-decreto-del-governo/?fbclid=IwAR0ZXT9MLVIopKxTvRiU19mgR9VrUK3n2UrS1TGJ6y4ZdwGW5rMCLbHHcTk