Che bel Natale

Ebbene sì…questo è quanto affermava, qualche tempo fa, il nostro Assessore al bilancio.
Fa sorridere il modo in cui si indignò con “quelli di prima”, additandoli pubblicamente per aver speso la spropositata cifra di 30000 euro per le festività natalizie.
Oggi, come allora, il natale anagnino è stato una catastrofe su tutti i fronti. Una vera figuraccia, parafrasando l’Assessore Marino.
Luminarie orribili, addobbi qua e là senza senso (ogni quarto d’ora potrebbe essere la definizione esatta!) ed “eventi” ai quali, nel migliore dei casi, hanno partecipato poche decine di persone, perlopiù addetti ai lavori, parenti ed amici.
Tenetevi forte, perché se avete pensato anche voi che all’epoca 30000 euro siano stati un’esagerazione per il mal riuscito Natale di Bassetta, quanto speso dall’Assessore Marino per i suoi eventi col botto di dicembre vi sembrerà una follia. Sì, indovinate un po’ qual è la cifra?

Nell’immagine allegata al post potete verificare voi stessi gli importi, i beneficiari e le finalità dei fondi stanziati. Naturalmente tutti soldi presi dalle casse comunali: l’amministrazione guidata da Natalia, nostro malgrado, non è riuscita ad ottenere nemmeno un centesimo dai numerosi bandi messi a disposizione dalla Regione per le festività natalizie.

Evidentemente l’irragionevole cifra di 69900 euro non bastava…così, come d’incanto, sono “fioccati”, leggeri e silenziosi come la neve, 55000 euro destinati alle luminarie lungo il centro storico.

Purtroppo amministrare una città non è come preparare il cenone della vigilia e benchè ci sia qualcuno che tenti di impegnarsi, l’incompetenza, l’arroganza e l’inaffidabilità di alcuni di voi sta finendo di uccidere la città, già agonizzante da innumerevoli punti di vista. Fatevi da parte, perché state compromettendo il futuro di tutti, soprattutto quello della nuova generazione anagnina. (Voleva essere una citazione ma siamo stati costretti a rendere comprensibili le frasi)

Dunque, in totale, per il Natale 2019, l’Assessore Marino ha speso la bellezza di 124900 euro, salvo sorpresine che verranno magari pubblicate tra qualche mese. Assessore, cosa ha da dire in merito?

P.s. Ci risparmi la filippica sui grandi successi e sulla immensa quantità di turisti che i suoi eventi hanno portato in città, perché in giro c’eravamo anche noi e l’unica cosa che abbiamo potuto percepire è l’immensa tristezza che si respirava ad Anagni.

Foto di annca da Pixabay